it en en ru
Close
Il sapone e la detersione del viso. Dalle origini ai giorni nostri.

Questo articolo del blog è di Roberta Palmas, estetista qualificata presso la Total Fashion Academy di Cagliari che ha svolto nella nostra azienda un lavoro di ricerca sul sapone e la detersione del viso. L’intera ricerca è consultabile online ma è anche scaricabile tramite PDF nel link sottostante:

Il sapone e la detersione del viso. Dalle origini ai giorni nostri (PDF 1,8 mb)

Sapone latte asina

Il mio lavoro ha come tema centrale il sapone, le sue origini e il ruolo fondamentale della detersione nel preservare la salute della cute al meglio. Per raggiungere questo scopo ho scoperto, personalmente testato e tratto beneficio da un sapone molto particolare: la “Saponetta Gaia al Latte d’Asina”.

Questo prezioso sapone è creato da Dhea Mather, un’azienda isolana che produce cosmetici naturali a base di latte d’asina fresco fondata su principi di ecosostenibilità, che mira alla tutela e al benessere dei loro animali, i quali pascolano liberamente nella natura incontaminata della macchia mediterranea del territorio del Mandrolisai (Sardegna Centrale).

INDICE

I. Il sapone: storia ed evoluzione

Quando nasce il sapone?
La nascita del primo detergente
I detergenti viso moderni (differenze tra liquidi e solidi)

II. L’importanza della detersione

Perché detergere la cute è essenziale
Varie tipologie di detersione
Struccanti e detergenti: perché sono fondamentali entrambi
La doppia detersione

III. La detersione e la cosmesi naturale in Sardegna
La cosmesi naturale in Sardegna con Dhea Mather
La detersione con la saponetta “Gaia”
La testimonianza di Paolo Frongia (titolare dell’azienda Dhea Mather)
La mia esperienza personale con i prodotti Dhea Mather
Le caratteristiche di GAIA – SAPONE AL LATTE D’ASINA

IV. Conclusioni

 Conclusioni e considerazioni

I. Il sapone: storia ed evoluzione

Sapone di Marsiglia

Quando nasce il sapone?

Il reperto più antico relativo all’uso del sapone è stato trovato in Mesopotamia (attuale Iraq) e  risale circa al 2800 a.C.: sono state infatti ritrovate alcune anfore di terracotta contenenti una sostanza simile al sapone. Gli egiziani lo utilizzavano per la pulizia dei tessuti, mentre i romani ne disapprovavano l’uso eccessivo che ne facevano i Galli. Nell’antica Roma si utilizzavano infatti oli profumati e strumenti metallici come lo strigile per la detersione della cute.

La nascita del primo detergente

 

Gli studi storico-archeologici assegnano agli arabi il primato di veri inventori del sapone moderno. Lo sviluppo del sapone ebbe origine nella zona di Aleppo in Siria, dove erano presenti abbondanti coltivazioni di piante di olivo e alloro, dei quali utilizzavano gli oli insieme alla soda (contenuta nelle ceneri di particolari piante). Da queste materie prime gli arabi ottennero un sapone molto fine, profumato e colorato che in breve tempo si diffuse in tutto il mondo arabo.

Dopo l’anno 800 d.C., sull’onda dell’espansione araba in Europa, questi prodotti furono conosciuti in tutto il bacino del Mediterraneo, raggiungendo la Spagna e la Sicilia. I primi saponifici d’Europa furono impiantati nel XII secolo in Spagna, in Italia (Savona) e in Francia a Marsiglia, dove nacque poi il famoso “Sapone di Marsiglia”.

I detergenti viso moderni: differenze tra liquidi e solidi

Detersione Sapone latte asina-2

Col passare del tempo la cosmetologia si è evoluta, passando dal semplice detergente corpo a quello viso ad esempio, creandone varie forme cosmetiche. Quelli di più comune utilizzo sono quelli liquidi come il latte detergente o il gel detergente e il sapone solido .

I detergenti viso moderni: differenze tra liquidi e solidi

Col passare del tempo la cosmetologia si è evoluta, passando dal semplice detergente corpo a quello viso ad esempio, creandone varie forme cosmetiche. Quelli di più comune utilizzo sono quelli liquidi come il latte detergente o il gel detergente e il sapone solido .

Latte detergente: è un’emulsione fluida caratterizzata dalla presenza di emulsionanti, oli e acqua, ed è proprio grazie alla presenza di questi oli che si riesce ad avere un’azione detergente evitando un’eccessiva asportazione dei lipidi dall’epidermide, senza risultare troppo aggressiva.

Ne esistono diverse varianti, come la crema detergente che è una crema grassa o semi grassa, più adatta a pelli disidratate e non più giovani, oppure il gel detergente, formulato con tensioattivi delicati e caratterizzato dall’assenza di oli e burri (lipidi) adatto per pelli normali, miste e grasse.

Sapone PalmoliveDetergente solido: per risparmiare tempo e denaro, le grandi aziende produttrici di sapone hanno iniziato a realizzare prodotti chimicamente più elaborati rispetto al sapone puro. Il risultato sono state saponette che disidratavano e irritavano la pelle con fragranze sintetiche, contribuendo spesso a creare rossori. Molti brand però sono tornati ad utilizzare metodi tradizionali e negli ultimi anni la soap bar è tornata in auge grazie alle sue nuove formulazioni, che risultano idratanti, lenitive e profumate.

La loro formulazione estremamente semplice non sgrassa eccessivamente la cute e in presenza di acque dure creano addirittura un film protettivo. Un buon sapone solido adatto alla detersione del viso contiene grassi nobili e vegetali, spesso olio d’oliva, di avocado, burro di karitè, cera di jojoba, olii essenziali per la profumazione e alcune argille e fanghi dal potere lenitivo.

 

 

Sapone Detersione

II. L’importanza della detersione

Perché detergere la cute è essenziale

La pelle è una membrana continua che ricopre tutto il corpo ed ha uno spessore che varia da un minimo di 0,2 mm (intorno agli occhi) a un massimo di 3-4 mm sul dorso, sulla nuca, sul palmo delle mani e sulla pianta dei piedi, ha una funzione protettiva da agenti esterni patogeni e fisici, respiratoria e sensoriale. Il suo spessore differisce da individuo a individuo e in rapporto alle condizioni professionali.

E’ inoltre costituita da tre strati: epidermide, derma e ipoderma. Con la detersione si rimuovono dalla pelle lo sporco esogeno e quindi le sostanze estranee depositate su di essa (come polvere, smog, microrganismi, make up..) e quello endogeno rappresentato dall’eccesso di sebo e dal sudore.

Importanza della detersione

La pelle è in continuo rinnovo (turn-over cellulare) e proprio per questo motivo la sua detersione e pulizia con dei detergenti appositi è la prima regola per conservarla nelle migliori condizioni di equilibrio e per prevenire il suo invecchiamento. Se la pelle non è detersa correttamente, tende a diventare asfittica, spenta, opaca, spessa, con comedoni e pori dilatati a causa del ristagno di sebo, sudore, detriti di cellule cornee e sporcizia.

Allo stesso tempo, una detersione eccessiva rischia di compromettere il film idrolipidico anche detto Fattore Naturale di Idratazione. Quest ultimo, ricopre la superficie dell’epidermide, formando quasi una pellicola protettiva, costituita da una componente idrofila e da una frazione liposolubile, formata soprattutto dal sebo (95%) e dai lipidi e pidermici (prodotti dai cheratinociti). E’ quindi fondamentale effettuare un’accurata pulizia della pelle adottando le metodologie più adatte al suo tipo.

Varie tipologie di detersione

La detersione va scelta con cura : non esiste il detergente ottimale per tutte le situazioni, questo perché prodotti anche se ottimi, utilizzati impropriamente possono non dare i risultati sperati. Per questo motivo è essenziale differenziarne diverse tipologie, quali:

Latte detergente: contiene oli e acqua, è facile da stendere e molto diffuso per pulire a fondo il viso e rimuovere i residui di
trucco, delicato e meno aggressivo dei detergenti schiumogeni, è adatto a tutti i tipi di pelle, ma particolarmente indicato per le pelli sensibili e reattive per la sua texture morbida, e di facile rimozione.

Detersione col sapone al latte d'asina

Detersione col sapone al latte d’asina

Gel detergente: caratterizzato dall’assenza di oli e burri è un prodotto solitamente fluido e leggermente viscoso, può essere schiumogeno o non. E’ utilizzato per detergere pelli grasse, miste e normali.

Schiuma o mousse detergente: è un’emulsione di aria in acqua che si forma per la presenza di un tensioattivo. La sua texture in spuma leggera fa sì che sulla pelle nonostante si stia applicando un detergente schiumogeno, la sensazione sia quella di una detersione delicata.

Salviette detergenti: sono dei fazzoletti di tessuto non tessuto imbibiti di lozione struccante. Non sono la soluzione ideale per detergere il viso, in quanto non rimuovono completamente il trucco e i residui di sporco. Dopo il loro utilizzo (consigliato solo in
situazioni di emergenza) è sempre bene sciacquare la pelle.

Sapone solido: una buona saponetta di qualità è facile da utilizzare e adatta a tutti i tipi di pelle, in quanto nonostante sia un detergente schiumogeno non va seccare la pelle o a irritarla e la sensazione sarà quella di una pulizia profonda.

Struccanti e detergenti: perché sono fondamentali entrambi

Gli struccanti sono di fondamentale importanza per una corretta skincare. Quando andiamo a detergere la pelle del viso, non sempre il detergente è in grado di rimuovere totalmente un trucco occhi ad esempio, per questo motivo è buona abitudine utilizzare uno struccante su occhi e labbra prima di utilizzare il detergente, in questo modo si è sicuri che tutti i residui di trucco e sporcizia saranno rimossi dalla cute, per evitare di lasciarvi depositate impurità e il proliferare dei batteri. Gli struccanti si suddividono in 3 categorie principali

Acque micellari: nuova tecnologia dei detergenti, hanno un efficace potere detersivo e nonostante questo risultano delicate perché questa tecnologia impedisce che insieme allo sporco engano rimossi anche i lipidi dermici, fondamentali per il film idrolipidico.

Il latte d'asinaCreme detergenti: emulsioni acqua in olio (a/o) indicate per la rimozione del trucco waterproof per la loro alta componente lipidica in grado di sciogliere il trucco più resistente. Proprio per questa loro alta componente lipidica non intaccano il film idrolipidico.

Struccanti bifasici e oleosi: risultano delicati sulla pelle, agiscono per affinità e non per contrasto. Contenendo una parte o essendo totalmente composti da oli e grassi,rispettano il film idrolipidico nonostante abbiano un’efficacia elevata anche contro il
trucco waterproof.

Combinando uno struccante adatto al tipo di trucco che si utilizza e un detergente adatto alla propria pelle possiamo creare una skincare quotidiana con cui si possono avere risultati ottimali senza danneggiare la propria struttura cutanea: possiamo quindi parlare di Double Cleansing.

La doppia detersione

Uno dei metodi più efficaci di pulizia della cute è la doppia detersione. Chiamata anche double cleansing, adorata dalle donne coreane, è la base fondamentale per preparare la pelle a ricevere i principi attivi degli step successivi come i sieri, le essenze e le creme idratanti, ed è adatta a tutti i tipi di pelle.

Questa beauty routine coreana è stata esportata in tutto il mondo con successo grazie alla bellezza della pelle delle donne coreane, da sempre riconosciuta curata, luminosa e quasi perfetta.

La doppia detersione ha due fasi principali:

1. Detersione a base oleosa, essenzialmente una fase di rimozione del trucco e di tutte le impurità a base grassa come lo s mog, il sebo e il make up. A questo scopo si utilizzano solitamente le creme detergenti (cleansing balm) o struccanti oleosi (cleansing oil) sulla pelle asciutta, vengono stesi con le mani e massaggiati fino a sciogliere le impurità e il trucco. Dopo aver sciacquato il viso con acqua tiepida, si passa alla seconda fase.

2. Detersione a base acquosa, con un detergente cremoso, schiumogeno o non. In questo modo si andranno a rimuovere definitivamente gli ultimi residui dal viso e si eliminerà la sensazione oleosa dei prodotti utilizzati in precedenza, lasciando la pelle pulita e idratata.

Beauty routineQuando si parla di questa tecnica, solitamente si pensa che possa essere troppo aggressiva, in quanto si deterge la cute per due volte consecutive. In realtà, gli oli struccanti utilizzati nella prima fase sono molto delicati, e i prodotti acquosi della seconda fase, devono essere scelti in base alla tipologia della pelle da trattare, in modo da non intaccare il film idrolipidico.

Per rimuovere totalmente anche i residui di prodotto detergente, si consiglia l’utilizzo di un tonico, che completa
la detersione e prepara la cute all’applicazione della crema idratante, favorendone l’assorbimento. In base alle sue componenti può avere effetto rinfrescante, tonificante, lenitivo o astringente.

Anche qui bisogna prestare attenzione alla loro formulazione: i tonici alcolici sono indicati per pelli miste, grasse e comedoniche, mentre quelli privi di alcool per pelli mature, alipidiche, secche e sensibili.

III. La detersione e la cosmesi naturale in Sardegna

 

La cosmesi naturale in Sardegna con Dhea Mather

Durante la mia esperienza lavorativa e di stage formativo ho avuto modo di conoscere e testare i prodotti dell’azienda sarda Dhea Mather.

Cosmetici al Latte d'asina Dhea Mather

Cosmetici al Latte d’asina Dhea Mather

L’azienda Dhea Mather è un laboratorio di cosmesi naturale della Sardegna, che produce creme, saponi e cosmetici naturali a base di latte d’asina fresco. La mission dell’azienda è quella di creare dei prodotti non trattati che donino benessere alla pelle. A differenza di tutti gli altri cosmetici naturali che utilizzano latte d’asina liofilizzato, i prodotti Dhea Mather, sono composti esclusivamente da latte d’asina fresco al 100%. Questa modalità permette di mantenere inalterati tutti i principi nutrizionali del latte d’asina e di realizzare prodotti unici, grazie alle preziose proprietà di cui è ricco questo elemento.

Dhea Mather punta su principi di ecosostenibilità, basati sulla produzione di cosmetici che mirano alla tutela e al benessere dei loro animali che pascolano liberamente nella natura incontaminata della macchia mediterranea del territorio del Mandrolisai (Sardegna Centrale).

Dopo un decennio dedicato alla selezione genetica e al recupero degli asini di razza sarda, gli animali vivono adesso in piena libertà al pascolo brado. Grazie ai principi attivi delle erbe di cui si nutrono, il latte di queste asine è unico nel suo genere. Le sue qualità vengono trasferite nei prodotti cosmetici che l’azienda produce.

La produzione del latte, monitorata costantemente al fine di rispettare elevati standard non solo di qualità ma anche di sicurezza in accordo con le normative sia nazionali che europee, è giornaliera e viene settimanalmente analizzata con la collaborazione di SARDEGNA RICERCHE .Si tratta di una produzione limitata e viene prelevata alle asine solo una percentuale ridotta di latte, andando ad equilibrare l’alimentazione del puledro con farine vegetali.

Il latte d’asina ha proprietà cosmetiche davvero eccellenti, soprattutto grazie ad un’elevata concentrazione di vitamina C e vitamina E; è un ottimo nutriente per le pelli secche e mature e vanta proprietà lenitive ed emollienti che si rivelano ideali in caso di infiammazioni della pelle come dermatiti o psoriasi.

Contando su questi valori, vengono realizzati dei cosmetici naturali al latte d’asina per il benessere della pelle, che mantengono inalterate le pregiate caratteristiche del latte d’asina utili nel rendere la pelle più luminosa, vellutata ed elastica.

 La detersione con la saponetta “Gaia”

Uno dei prodotti al latte d’asina che ha colpito la mia attenzione, è stata la “Saponetta al Latte d’Asina Gaia”. Questo sapone solido è un detergente delicato, indicato per il lavaggio di mani, viso e corpo. Contiene un’elevata concentrazione di latte d’asina che lascia la pelle idratata, rendendola morbida ed elastica. Il complesso multivitaminico presente nella saponetta (A, B, C, E) interrompe le reazioni generate dai prodotti del catabolismo cellulare svolgendo un’azione protettiva nei confronti dell’epitelio.

Il lisozima attenua gli stati infiammatori cutanei e svolge un’importante azione antibatterica. Questo sapone al latte d’asina detergente e purificante, ha la funzione di detergere in maniera delicata il viso, questo perché le materie prime utilizzate sono di alta qualità, rigorosamente selezionate e controllate. A differenza dei saponi tradizionali, questo prodotto ha un maggiore potere idratante ed emolliente, non irrita la cute ed è ideale anche per le pelli molto sensibili.

Saponi artigianali Dhea Mather

Saponi artigianali Dhea Mather

Ingredienti del Sapone al latte d'asina

La testimonianza di Paolo Frongia (titolare dell’azienda)

La mia fortuna é stata che fin da piccolo ho avuto l’opportunità di assistere al processo di saponificazione. Mia nonna Gertrude, nota Duddui, era ritenuta all’epoca un’ottima massaia per la saponificazione, tant’è vero che questa sua grande abilità le ha permesso di saponificare per tutto il vicinato.

Tale capacità é stata tramandata a mia madre Marrita, la quale abilmente ha sperimentato diverse tipologie di sapone, tra cui quella al latte d’asina.Ci siamo immediatamente resi conto di aver realizzato un sapone delicato, terapeutico e con interessanti caratteristiche a livello dermatologico.

 

 

Naturalmente produrre e certificare la saponetta non é stato semplice, ci sono voluti anni di sperimentazione e passione, il tutto si é concluso con la realizzazione della saponetta Gaia. É stata una grande soddisfazione riuscire a capire che procedendo “de su connotu” e apportando delle innovazioni, si riesca ancora oggi a creare un prodotto totalmente naturale e dai molteplici benefici.
(di Paolo Frongia – Titolare dell’azienda Dhea Mather)

 

 

 

La mia esperienza personale con i prodotti Dhea Mather

Saponetta al latte d'asina Gaia

Detergente naturale al latte d’asina

Tra i prodotti Dhea Mather spiccano: il sapone detergente al latte d’asina, il Siero al latte d’asina al 98% e la Crema “Oro Bianco” al latte d’asina 78%.

Avendo una pelle mista, tendente al secco durante la stagione invernale e tendente al grasso durante la stagione estiva, ho trovato il mio equilibrio cutaneo grazie alle numerose proprietà benefiche del latte d’asina. La saponetta Gaia deterge in modo efficace, rimuovendo i residui di trucco e sporcizia, senza seccare la pelle e combattendo le piccole imperfezioni come come doni e pustole grazie alle sue proprietà antibatteriche naturali.

La mia skincare quotidiana comprende anche l’utilizzo del siero al latte d’asina al 98% e della crema Oro Bianco al latte d’asina al 78%, per idratare la pelle eproteggerla. Combinando l’uso di questi prodotti ho personalmente notato un netto miglioramento della luminosità della pelle, meno imperfezioni e più elasticità.

Le caratteristiche di GAIA – SAPONE AL LATTE D’ASINA

Sapone naturale viso e corpo a base di latte d’asina fresco.

Deterge e idrata la pelle rendendola morbida ed elastica.

Anti-invecchiamento grazie all’Acido linoleico Omega 6 e Vitamina A, fondamentali nel processo di rinnovamento delle membrane cellulari.

Antiossidante per la presenza di Vitamina C e dell’olio di riso ricco di acidi grassi insaturi che contrastano la formazione dei radicali liberi.

Protettivo grazie alle Vitamine B1 B2 B6 che limitano le lesioni della pelle. Idratante e lenitivo per pelli sensibili. Coadiuvante per il trattamento di eczemi.

Per questi motivi ho deciso di collaborare con l’azienda Dhea Mather per creare un protocollo di skincare quotidiana in collaborazione con la collega Tamara Chessa, lavoro che potete visionare nell’articolo già pubblicato nel blog di Dhea Mather

Questa collaborazione per me è molto importante, per sostenere un’azienda Sarda che crea dei prodotti ecosostenibili e unici, infatti è l’unica azienda in Italia che utilizza percentuali di latte d’asina così elevate nei suoi prodotti.

 

Conclusioni e considerazioni

 

Il sapone, fin dall’antichità entra a far parte della quotidianità delle persone. La detersione viene riconosciuta da subito come metodo di pulizia e igiene personale e col passare del tempo vengono ideate diverse tipologie per soddisfare le richieste dei consumatori. Il suo ruolo fondamentale è ormai evidente e consiste nel preservare al meglio la nostra cute .

Oggi esistono tantissime varietà di sapone diverse per uso, profumazione, zona di applicazione, preparazione proprietà. Numerose aziende producono sapone di alta qualità, ma un occhio di riguardo va a tutte quelle che rispettano l’ambiente in modo ecosostenibile e che si differenziano per i loro risultati perché uniscono a serietà e professionalità l’impiego di materie prime di eccellenza, proprio come Dhea Mather.