it en en ru
Close
Le manifestazioni cutanee nelle malattie reumatiche

Questo articolo del blog è di Barbara Serci, estetista qualificata presso la Total Fashion Academy di Cagliari che ha svolto nella nostra azienda un lavoro di ricerca sul sapone e la detersione del viso. L’intera ricerca è consultabile online ma è anche scaricabile tramite PDF nel link sottostante:

Barbara Serci – Le manifestazioni cutanee (PDF 3 mb)

PREMESSA

Allevamento asini Dhea Mather Cosmesi Naturale

Il mio lavoro ha come tema centrale le manifestazioni a livello cutaneo delle malattie reumatiche. Scelta che nasce dal fatto che io stessa soffro di psoriasi. Andrò ad illustrare i trattamenti estetici consigliati e contrindicati e i prodotti di cosmesi naturale a base di latte d’asina fresco dell’azienda DHEA MATHER, un’azienda sarda che ho avuto il piacere di conoscere e testare.
L’ultima parte è dedicata ad una mia intervista ad Angela Spano (Vicepresidente dell’ASMAR) alla quale è stata diagnosticata una malattia sclerosi-sistemica progressiva (Sclerodermia).

INDICE

I. Introduzione alle malattie reumatiche

II. Come nascono le malattie reumatiche e quali sono le cause

III. Panoramica delle principali malattie reumatiche

• La sclerodermia
• La polimiosite – dermatomiosite
• Le varianti del Lupus
• Le varianti della psoriasi

IV. La cosmesi naturale in Sardegna

• L’azienda cosmetica DHEA MATHER

V. La testimonianza di Angela Spano (Vicepresidente ASMAR)

• L’incontro alla Total Fashion Academy
• La testimonianza di Angela Spano (Vicepresidente ASMAR)

 

I. Introduzione alle malattie reumatiche

Appartengono alla categoria delle malattie reumatiche una vasta serie di patologie, più o meno rare, a carico dell’apparato locomotore ed in generale dei tessuti di sostegno (tessuti connettivi) dell’organismo; spesso queste patologie vengono anche denominate connettiviti (infiammazione dei tessuti connettivi).
Queste malattie hanno in comune una forte componente infiammatoria e sono tra loro molto varie, con gravità differente, alcune delle quali possono colpire non solo le articolazioni, le ossa, i tendini, ma anche altri tessuti ed organi, avendo così una espressione sistemica.

Le malattie reumatiche hanno spesso un’origine autoimmune e nella maggior parte dei casi sono anche associate a condizioni di fotosensibilità (fatta eccezione ad es. per la psoriasi); un aspetto questo molto importante per il lavoro di un’estetista.

II. Come nascono le malattie reumatiche e quali sono le cause

Cause e fattori di rischio delle malattie reumatiche non sono ancora del tutto noti.
Oggi la scienza ci parla di un’unione tra fattori genetici e ambientali, possiamo essere predisposti ma occorre sempre uno stimolo esterno (fattore scatenante) per risvegliare la malattia.

Sono legate a meccanismi autoimmuni, cioè sono causati dall’infiammazione che le cellule del nostro sistema di difesa (in particolare alcune cellule del sangue chiamate linfociti che producono anticorpi diretti contro i nostri componenti cellulari) portano a livello delle articolazioni e di altri tessuti.

Queste cellule invadono i tessuti interessati, in particolare, la membrana sinoviale che riveste le articolazioni, causando la produzione di molecole infiammatorie (chiamate citochine) che a loro volta causano un’Infiammazione (artrite), che a sua volta può portare a danni anche irreversibili dell’articolazione e dell’osso.

Se queste cellule invadono altri tessuti dell’organismo il danno sarà sempre legato all’infiammazione: potremo avere quindi miositi se infiammato il muscolo, pleurite se infiammata la pleura, pericardite se infiammato il pericardio, nefrite se infiammato il rene e così via.
Anche gli ormoni sessuali, in particolare gli estrogeni, possono avere un ruolo favorente giustificando così il perché della netta predominanza di questi reumatismi nel sesso femminile.

Esistono comunque delle cause che possono aumentare il rischio di soffrire di malattie reumatiche, come ad es. il fumo di sigaretta, il peso eccessivo, il corredo genetico e lo svolgimento di professioni che possono comportare il rischio di lesioni e eccessive sollecitazioni delle articolazioni.

III. Panoramica delle principali malattie reumatiche

Per questo lavoro ho selezionato le malattie reumatiche più conosciute e di interesse nel panorama medico-scientifico attuale.
È importante sottolineare che alla categoria delle malattie reumatiche appartengono altre svariate patologie definite “rare” perché colpiscono poche persone al mondo, ma non per questo devono essere trascurate; fondamentale quindi è il ruolo della ricerca scientifica.

• La sclerodermia e il fomeno di Raynaud

La sclerodermia è una rara malattia autoimmune, localizzata principalmente sulla cute ed esordisce tra i 30 e i 50 anni.
Esistono le “forme localizzate” e le “forme diffuse” della malattia (sclerodermia sistemica) che rappresentano i casi più gravi, in cui sono coinvolti anche gli organi interni.
In questa malattia il sistema immunitario aggredisce le cellule endoteliali che rivestono la parte interna dei vasi sanguigni e questo stimola la produzione di incontrollata di collagene, componente del connettivo, il tessuto che provvede al sostegno e al nutrimento di tutti gli organi.

Il suo accumulo incontrollato crea un indurimento di aree della cute, ossia una sclerosi (da qui il termine di sclero-dermia = pelle dura). Quando coinvolge altri organi del corpo, determina un danno progressivo della loro funzione.Nelle forme localizzate (chiamate morfee) la malattia si presenta con delle chiazze rosso-violacee che tendono progressivamente ad indurirsi, la parte centrale diventa più chiara, quasi biancastra, circondata da un bordo di colore rosato.

Sia le forme localizzate che quelle diffuse, nel 95% dei casi, iniziano con il fenomeno di Raynaud.
Il fenomeno di Raynaud, che può essere presente anche in altre forme di connettiviti, è una condizione clinica per cui le estremità dell’organismo, più comunemente mani, piedi, ma occasionalmente anche naso ed orecchie, diventano fredde, insensibili e cambiano colore dopo.esposizione al freddo, in riposta al decremento della temperatura ambientale o allo stress emotivo.

l cambio di colore delle estremità nel corso del fenomeno di Raynaud si manifesta tipicamente con pallore (“dita bianche”) o cianosi (colorazione bluastra) e infine, alla risoluzione di tali fenomeni, con rossore (eritema).
Queste manifestazioni sono il risultato di un’eccessiva risposta dell’organismo agli stimoli ambientali per cui le arteriole che irrorano le estremità si contraggono (fenomeno di vasospasmo) provocando una riduzione del flusso sanguigno (da qui il pallore), che tende poi a ristagnare localmente causando una perdita di ossigeno (da qui la cianosi) e una riduzione della temperatura locale, avvertita come sensazione di freddo.

Quando il vasospasmo viene meno e la circolazione viene ripristinata, vi è un rapido ritorno di sangue nelle zone precedentemente colpite con rossore cutaneo e calore, talvolta così repentino da essere percepito in maniera dolorosa.

Nei casi più severi, il fenomeno di Raynaud può complicarsi con la presenza di alterazioni a livello cutaneo, evidenti sotto forma di aree di secchezza (xerosi) locale, lesioni della cute a carattere ragadiforme o vere e proprie ulcere.
Il fenomeno di Raynaud è una patologia relativamente frequente nella popolazione generale, specie in quella femminile, e si stima che le tipiche manifestazioni vasospastiche siano osservabili nel 5-10% della popolazione.

In molti casi, tali manifestazioni rappresentano una condizione benigna, specie quando siano presenti fin dalla prima giovinezza o vi sia una familiarità per esse, mentre in una frazione di casi sono associati alla presenza di una malattia autoimmune sistemica, più comunemente la sclerosi sistemica (fenomeno di Raynaud secondario).

Altre malattie meno comunemente associate alla presenza di un fenomeno di Raynaud secondario sono la connettivite mista, il lupus eritematoso sistemico, l’artrite reumatoide, la sindrome di Sjogren.
Esistono alcune caratteristiche che consentono di distinguere il fenomeno di Raynaud idiopatico (benigna) da quello secondario come indicato nella tabella qui di seguito.

La polimiosite è una malattia infiammatoria cronica dei muscoli dovuta a cause ancora sconosciute, è più frequente nel sesso femminile e colpisce in età giovane adulta. A livello dei muscoli ritroviamo aggregati di cellule infiammatorie (globuli bianchi come linfociti T e B) che a poco a poco provocano la distruzione di alcune parti del muscolo stesso.

La polimiosite si associa spesso a lesioni cutanee, si parla allora di polimiosite-dermatomiosite.
I sintomi principali sono la debolezza muscolare che si presenta soprattutto a carico delle gambe, spalle e braccia. In seguito, dopo molto tempo poiché la progressione della malattia è lenta, la debolezza muscolare diviene più importante e può coinvolgere anche altri muscoli tranne quelli che ci permettono di muovere gli occhi, che in questa malattia non vengono mai interessati.

Per quanto riguarda la dermatomiosite invece il quadro clinico è dominato dalle manifestazioni cutanee: è caratteristico il cosiddetto rash eliotropico, ossia la colorazione violacea delle palpebre superiori associata a gonfiore. Possiamo inoltre trovare le papule di Gottron, placche rossastre o violacee presenti a livello delle sporgenze ossee quali nocche delle dita, ginocchia, gomiti.

Nella polimiosite, possono comparire anche il fenomeno di Raynaud, difficoltà a deglutire (disfagia) e nel parlare (disfonia) e disturbi sistemici (soprattutto febbre e perdita di peso); l’interessamento articolare induce poliartralgie ed artrite, spesso associate a tumefazione e versamento; i problemi cardiaci, meno frequenti, si manifestano con palpitazioni, disturbi del ritmo e, raramente, insufficienza cardiaca.

• Le varianti del Lupus

Il lupus è una malattia autoimmune che predilige il sesso femminile, in cui il nostro sistema immunitario attacca il nostro corpo provocando lesioni cutanee, dolori articolari e fotosensibilità; una patologia che aggredisce varie parti del corpo, come cute, organi vitali, articolazioni o vasi sanguigni, dello stesso organismo che li ospita.
Esistono tre tipologie di Lupus

Il Lupus Eritematoso Sistemico (LES)
Il LES è la forma che può coinvolgere diverse parti dell’organismo, manifestandosi con dei sintomi lievi o severi, differenti da paziente a paziente. È una malattia cronica caratterizzata da lesioni infiammatorie causate da un’alterata reattività immunitaria.

La lesione dermatologia più caratteristica è un eritema detto “a farfalla” o “butterfly rash” in quanto colpisce gli zigomi e la porzione superiore delle guance passando a ponte sul dorso del naso.

Altre lesioni cutanee sono l’alopecia (perdita dei capelli a chiazze) e manifestazioni eritematose che compaiono soprattutto dopo l’esposizione al sole nelle zone esposte come mani, collo, viso (fenomeno di fotosensibilizzazione). Anche in questa patologia può essere associato il fenomeno di Raynaud, che colpisce il 20% dei pazienti.

Il Lupus Discoide (LED) o Lupus Eritematoso Cronico Cutaneo (LECC)
Il LED O LECC è invece caratterizzato esclusivamente da una manifestazione cutanea, con formazioni di lesioni cutanee rosse coperte di croste.
Tali lesioni, che provocano intenso prurito, nella fase iniziale appaiono come placche di modeste dimensioni, che a volte possono presentare piccoli vasi dilatati; successivamente si verifica uno stato di ipercheratosi, un eccessivo aumento dello strato corneo dell’epidermide.

Le lesioni si localizzano in maniera più o meno simmetrica su naso, guance, orecchie, fronte e mento, a volte possono interessare anche a toccare il cuoio capelluto provocando la perdita circoscritta dei capelli.

Il Lupus da Farmaci
Rappresenta invece una forma di Lupus causato dall’assunzione di uno specifico farmaco. I sintomi sono simili a quelli del Lupus Eritematoso Sistemico che solitamente si risolvono alla sospensione del farmaco stesso.

Esposizione al sole e trattamenti estetici
Le manifestazioni delle malattie reumatiche prese precedentemente in esame sono spesso aggravate dall’esposizione al sole a causa della fotosensibilità dei pazienti che ne soffrono. Per quanto riguarda i trattamenti estetici, sono quindi da evitare tutti quei trattamenti che prevedono l’utilizzo di strumentazione a raggi UV, laser, luce pulsata, lampade abbronzanti.

Per quanto riguarda lo smalto semipermanente con lampade UV, questo trattamento è controindicato nei malati reumatici con problemi di fotosensibilità; tuttavia l’esposizione ai raggi UV in caso di trattamento estetico alle unghie è molto limitato nel tempo e interessa una minima superficie del corpo, pertanto il rischio è molto minore rispetto ad esempio all’uso delle lampade UV abbronzanti.

La psoriasi è una malattia cutanea antiestetica particolarmente frequente, ma poco curabile; è una dermatite infiammatoria a decorso cronico recidivante (alterna fasi acute a fasi di riposo) che interessa di norma la cute e più raramente le mucose. Si presenta con una morfologia clinica polimorfa, abitualmente caratterizzata da lesioni eritemato-squamose facilmente sanguinanti.

L’accelerata formazione ed eliminazione di cellule cornee a livello superficiale cutaneo è dovuta ad un’alterazione del normale processo di cheratinizzazione. Le cellule basali impiegano molto meno tempo rispetto alla norma, anche solo 4-5 giorni, per raggiungere la superficie e trasformarsi in squame (il normale turnover cellulare avviene in 25-28 giorni circa).

La psoriasi, nelle sue varie manifestazioni cliniche viene attualmente considerata una malattia determinata dalla combinazione di fattori genetici predisponenti e di fattori ambientali scatenanti, alterazioni del sistema immunitario, alterazioni ormonali, stress.Viene considerata una malattia psicosomatica e ne vengono riconosciute cinque varianti:

Psoriasi volgare
È la più comune, si caratterizza per la comparsa di tipiche lesioni eritemato-squamose in punti particolari come ad esempio il cuoio capelluto, schiena, palmi di mani e piedi, gomiti e ginocchia, caviglie. Oltre alle placche cutanee i sintomi sono prurito e a volte gonfiore e dolore.

Psoriasi pustolosa
La psoriasi pustolosa rappresenta una variante clinica rara e spesso particolarmente grave. Può manifestarsi in forma localizzata, generalmente circoscritta a mani e piedi, colpisce solitamente gli arti e si presenta in varie forme accompagnata a volte da infezioni, febbre e dolori muscolari.
La cute presenta macchie rosse con al centro residui di liquido bianco (pus) da cui deriva il nome.

Psoriasi inversa
La psoriasi inversa non è altro che psoriasi volgare localizzata a livello delle pieghe spesso inguinali e ascellari, pieghe della pancia, genitali o glutei.

Psoriasi degli annessi
La psoriasi degli annessi è localizzata nell’apparato ungueale, possono andare da una banale chiazza a macchia fino ad una completa distruzione dell’unghia(onicolisi).Può essere interessato anche il bulbo pilifero.

Psoriasi eritrodermica
È la forma più grave e si può estendere su tutto il corpo con macchie grandi e infiammate.
La gravità è dovuta al fatto che elimina la funzione di barriera della pelle verso l’ambiente esterno facendo perdere la capacità di termoregolazione del corpo.

L’eritrodermia psoriasica è una rara complicanza della psoriasi volgare che, se non convenientemente trattata, può portare anche a morte per la comparsa di complicanza come broncopolmonite, insufficienza renale o cardiaca.
La cute, in tutta la sua estensione, appare eritematosa con una sfumatura cromatica che va dal colore rosso al brunastro.
Lo stato generale del paziente è gravemente compromesso con febbre, astenia e dolori articolari.

Rimedi farmacologici
• Somministrazione di farmaci cheratolitici, come acido salicilico, per ripulire le squame e preparati a base di catrame vegetale.
• Terapia cortisonica che riduce l’infiammazione e il prurito.
Trattamenti estetici
• Esposizione al sole con adeguata protezione solare.
• Creme emollienti per migliorare l’elasticità della pelle.
• Cosmetici non aggressivi per favorire la naturale esfoliazione epidermica.

IV. LA COSMESI NATURALE IN SARDEGNA

Lo sviluppo di questo lavoro è nato da una esperienza personale, infatti ho potuto parlare della psoriasi in prima persona in quanto io stessa soffro di questo inestetismo, e posso passare ora ad illustrare, collegandola al discorso, la linea di prodotti Dhea Mather in quanto produce cosmetici naturali in Sardegna in grado di alleviare a livello estetico le manifestazioni cutanee della psoriasi; a tal proposito, nei mesi scorsi, ho potuto conoscere e personalmente testare questa linea cosmetica naturale sarda di cui a seguire vi illustrerò la filosofia e i prodotti.

• L’azienda cosmetica Dhea Mather

DHEA MATHER, fresca di certificazione “Eccellenze Italiane”, è un laboratorio di cosmesi naturale della Sardegna, che produce creme, saponi e cosmetici naturali a base di latte d’asina fresco.
La missione dell’azienda è quella di creare dei prodotti non trattati che donino benessere alla pelle.

A differenza di tutti gli altri cosmetici naturali che utilizzano latte di asina liofilizzato, i prodotti DHEA MATHER, sono composti esclusivamente da latte d’asina fresco al 100%.
Questa modalità permette di mantenere inalterati tutti i principi nutrizionali del latte d’asina e di realizzare prodotti unici, grazie alle preziose proprietà di cui è ricco questo elemento

DHEA MHATER punta su principi di ecosostenibilità, basati sulla produzione di cosmetici che mirano alla tutela e al benessere dei loro animali che pascolano liberamente nella natura incontaminata della macchia mediterranea del territorio del Mandrolisai (Sardegna Centrale).

Cosmetici al Latte d'asina Dhea Mather

Cosmetici al Latte d’asina Dhea Mather

Dopo un decennio dedicato alla selezione genetica e al recupero degli asini di razza sarda, gli animali vivono adesso in piena libertà al pascolo brado. Grazie ai principi attivi delle erbe di cui si nutrono, il latte di queste asine è unico nel suo genere.
Le sue qualità vengono trasferite nei prodotti cosmetici che l’azienda produce.

La produzione del latte, monitorata costantemente al fine di rispettare elevati standard non solo di qualità ma anche di sicurezza in accordo con le normative sia nazionali che europee, è giornaliera e viene settimanalmente analizzata con la collaborazione e la serietà professionale di SARDEGNA RICERCHE (Parco Scientifico e Tecnologico – Polaris – Pula).

Si tratta di una produzione limitata e viene prelevata alle asine solo una percentuale ridotta di latte, andando ad equilibrare l’alimentazione del puledro con farine vegetali.
Il latte d’asina ha proprietà cosmetiche davvero eccellenti, soprattutto grazie ad un’elevata concentrazione di vitamina C e vitamina E; è un ottimo nutriente per le pelli secche e mature e vanta proprietà lenitive ed emollienti che si rivelano ideali in caso di infiammazioni della pelle come dermatiti o psoriasi.

Contando su questi valori, vengono realizzati dei cosmetici naturali al latte d’asina per il benessere della pelle, che mantengono inalterate le pregiate caratteristiche del latte d’asina utili nel rendere la pelle più luminosa, vellutata ed elastica.

Cosmesi Naturale Dhea Mather

Tra i prodotti creati dall’azienda DHEA MHATER, mi hanno particolarmente colpito la saponetta detergente al latte d’asinaGaia e la Crema oro bianco al latte d’asina al 78%.

Saponetta detergente al latte d’asina Dhea Mather

Il sapone al latte d’asina è un detergente solido e delicato, indicato per il lavaggio delle mani, del viso e del corpo. Inoltre con la sua ricca percentuale di latte d’asina, deterge e idrata rendendo la pelle morbida ed elastica.

Sapone al latte d'asina Gaia

Saponetta al latte d’asina fresco non liofilizzato

I suoi preziosi acidi grassi proteggono le membrane delle cellule cutanee.
Il complesso multivitaminico presente nella saponetta (A, B, C, E) interrompe le reazioni generate dai prodotti del catabolismo cellulare svolgendo un’azione protettiva nei confronti dell’epitelio. Il lisozima attenua gli stati infiammatori cutanei e svolge un’importante azione antibatterica.

Il sapone al latte d’asina detergente purificante, ha la funzione di detergere in maniera delicata il viso, questo perché le materie prime utilizzate sono tutte di alta qualità, rigorosamente selezionate e controllate.
Al latte abbiamo unito l’olio di riso, anch’esso ricco di acidi grassi insaturi e caratterizzato dalla presenza di gamma orizanolo, vitamina E e fitosteroli.

In particolare il gamma orizanolo è un valido antiossidante in grado di contrastare la formazione dei radicali liberi e di filtrare la luce solare, intercettando la radiazione UV e ostacolandone la trasmissione.
Il latte d’asina, inoltre, vanta proprietà lenitive ed emollienti, per cui si soffre di infiammazioni cutanee, come dermatiti o psoriasi, e nell’arco di poco tempo potrai vedere con i tuoi stessi occhi i risultati.

A differenza dei saponi tradizionali, questo prodotto ha un maggiore potere idratante ed emolliente, non irrita la cute, ma è ideale anche per le pelli molto sensibili.
La cute viene protetta dai processi infiammatori, dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare, e dai batteri. Il sapone al latte d’asina detergente purificante è adatto non solo per la detersione del viso, ma anche per la cura del proprio corpo. Può inoltre essere usato come sapone da barba per gli uomini.

Crema al latte d’asina 78% – ORO BIANCO – DHEA MATHER
Oro Bianco Crema Latte asina

Flacone Oro Bianco Crema Latte asina

Crema VISO ANTI-AGE con il 78% di latte d’asina, arricchita con olio di oliva, oli di germe di grano, olio di rosa mosqueta, olio di lentisco, oleolito di iperico. Idrata, nutre e coadiuva il ringiovanimento cutaneo grazie alla particolare composizione del latte d’asina, ben tollerato da qualsiasi pelle.

Queste proprietà sono potenziate da altri componenti ricchi di inositolo e gamma orizanolo, potenti antiossidanti e proteine nutrienti, nonché vitamine A (utile per il rinnovamento e l’esfoliazione della pelle), B2, B12 ed E (utile per il rinnovamento e l’esfoliazione della pelle).

La presenza degli oli delle piante della macchia mediterranea come l’olio di lentisco e l’oleolito di iperico, aiutano la cute a combattere la secchezza della pelle, irritazioni cutanee e prurito.
È un prodotto naturale senza conservanti chimici tipo parabeni e fenossietanolo e non contiene sostanze chimiche che potrebbero causare irritazione, ma soltanto sostanze naturali quali latte d’asina, olio di rosa mosqueta, olio di germe di grano, olio di oliva, e oleolito di iperico.

Il suo utilizzo è ideale per combattere i primi segni di invecchiamento, per lenire il rossore cutaneo, per idratare e per stimolare la formazione di nuovo collagene, elastina e fibroblasti. È una crema che combatte la disidratazione cutanea, rassoda e dona elasticità stimolando la produzione di collagene ed elastina; inoltre rende la pelle più luminosa ed è sebo-regolarizzante quindi perfetta per la tipologia di pelle mista in quando da un lato idrata e lenisce le zone alipidiche e dall’altra regolarizza la produzione di sebo nelle zone grasse.

Asini dei Dhea Mather Cosmesi Naturale Sardegna

Pascolo Transumanza Asini dei Dhea Mather Cosmesi Naturale Sardegna

 

V. LA TESTIMONIANZA DI ANGELA SPANO (VICEPRESIDENTE ASMAR)

Durante la mia ricerca ho avuto il piacere di conoscere Angela Spano, la Vicepresidente dell’ASMAR (Associazione Sarda Malati Reumatici) che ho personalmente intervistato e che ringrazio del prezioso contributo dato per la realizzazione di questo lavoro.

L’incontro alla Total Fashion Academy
Il 9 febbraio 2018, la Total Fashion Academy, grazie anche alla collaborazione del docente di anatomia e fisiologia Francesco Pili, ha avuto l’onore di avere in qualità di ospite per una mattinata la Vice presidente dell’associazione ASMAR, Angela Spano durante la lezione incentrata sulle manifestazioni cutanee delle malattie reumatiche e il ruolo dell’operatore estetico a riguardo.

Nella foto da sinistra: Francesco Pili (Docente Total Fashion Academy di anatomia e fisiologia), Angela Spano (Vicepresidente ASMAR), Manuela Oggiano (Direttrice Total Fashion Academy).

Angela ha raccontato agli alunni dell’accademia la storia della sua vita: anche a lei è stata diagnosticata una malattia sclerosi-sistemica progressiva (Sclerodermia), e una serie di altre patologie.
Questa donna straordinaria ha raccontato con sentimento la sua storia e con grande forza è riuscita ad andare avanti e dire al mondo che nulla ci può sconfiggere se lottiamo col sorriso, lottiamo per la vita, la cosa più preziosa che abbiamo, perciò non arrendiamoci mai.

• La testimonianza di Angela Spano (Vicepresidente ASMAR)

In questo lavoro ho voluto riportare un articolo tratto da “Arcipelaghi”, il periodico edito dall’ASMAR, scritto da Angela Spano e dove, la Vicepresidente dell’ASMAR,racconta ciò che è stato l’approccio con una malattia reumatica quale la sclerodermia, il  conviverci e il poter affermare che nonostante il dolore e le sofferenze, non è mai venuto meno il coraggio che l’ha contraddistinta e, tutt’oggi dopo ventitré anni dalla prima diagnosi della patologia, l’entusiasmo per la vita!